martedì 9 ottobre 2007

si ricomincia dalla fine...

Mi sono resa conto che questo blog esiste da un anno e una settimana.
Me ne sono resa conto dopo un paio di giorno dall'anniversario, quindi niente festa.

Ovviamente davanti a una ricorrenza come questa, è tempo di bilancio.
Bene, io sono molto contenta di questo blog. Da molti punti di vista.
E' il mio veicolo per entrare in un mondo di discussioni, spiritosaggini, riflessioni e quant'altro che mi ha innamorata fin dall'inizio. E' letto da poche persone, ma splendide: ogni volta che l'utente X, con la crapa che c'ha, passa a leggere il mio post, addirittura mi lascia una frase di commento, divento tutta rossa e gongolante e penso che sì, chissà, forse davvero ho scritto qualcosa di carino.
E' anche il mio veicolo per entrare nel magico mondo del web 2.0 e capirne le opportunità. Non sarò mai una geek, non fosse altro che perché me ne mancano le capacità, ma gli strumenti di comunicazione e di condivisione che sto sperimentando in questa dimensione inevitabilmente influenzano il mio modo di pensare il presente e di immaginare modalità di osservarlo e magari comprenderlo.
E' infine lo sfogo della mia incerta, mediata manualità, o meglio del mio maniacale, pignolo perfezionismo: la soddisfazione che ho provato a modificare la grandezza della colonna centrale del template, o a mettere un link sotto un'immagine, io che fino a un anno fa mi ritenevo un'utente PRO perché usavo ctrl+c invece del tasto destro del mouse, beh queste soddisfazioni non ve le posso nemmeno spiegare.
Questo blog mi piace un sacco. Davvero.

Una decina di giorni fa Blogbabel ha cambiato i suoi criteri di "misurazione" dei blog; si sono rivoluzionate le classifiche (il che basterebbe a mostrare quanto siano aleatorie), e il risultato per quanto mi riguarda è che questo blog si piazza tra i primi 550 tra quelli registrati (che sono quasi 9700, per inciso).
Che dire, è un successone di pubblico e di critica!


Infatti è già tempo di ricominciare da capo.

Il problema principale, ovviamente, è Splinder.
Splinder che è in manutenzione almeno una volta alla settimana, che non mi lascia caricare le immagini dal pc, che non mi consente di pubblicare video - ma soprattutto, soprattutto, che non mi consente di salvare le bozze.
Splinder che verso l'inizio di settembre è impazzito: per qualche giorno ha attribuito date a casaccio e infine mi ha cambiato il template, ingrandendo caratteri a muzzo, senza che io potessi porvi rimedio.
Ora, io non sono né calma né menefreghista, però, abituata a vivere nel disordine mentale e fisico, passo sopra a molte più cose di quanto il mio carattere irascibile permetterebbe. Ma quando qualcosa riesce a oltrepassare la nebbia della mia confusione e mi punge, io divento una belva. Una parte del mio cervello bacato, negli ultimi 15 giorni, ha continuato a macinare incazzatura fino a convincermi ad abbandonare Splinder: abbandonare questo blog.

Un altro motivo, più importante e più antico, riguarda la questione del nome.
L'estate scorsa avevo aperto uno spazio privato su msn (accessibile solo agli amici) che usavo realmente come sfogo delle mie pene d'amore. Bella cosa, eh; ma le pene d'amore invecchiano male, e in breve il pozzo della mia disperazione era diventato involontariamente ridicolo. Morta lì.
Però l'esperimento mi aveva fatto riflettere. L'idea del diario personale poneva numerosi problemi, anche solo di carattere pratico: dato che in internet giro da 10 anni, e che intorno a internet gira buona parte della mia vita personale (conoscenze, amicizie, amori), se volevo continuare a raccontare di me in quel modo nuovo dovevo in primo luogo tutelare tali relazioni (per una questione di tatto, rispetto, urbanità, quello che volete), scegliendo uno stile di scrittura "leggero", filtrando i contenuti eccetera; ma, per iniziare, mi dovevo accertare di "nascondere" non tanto la mia identità reale, ma soprattutto quell'altra virtuale.
In realtà ora mi sembra di aver esagerato con le precauzioni, come se tutti mi fossero addosso. Ma, anche se il paragone è lontano anni luce dalla mia situazione, mi sembra che la vicenda di Lia possa dimostrare come le cose più "e che sarà mai" a cui si cede - per fare chiarezza, per amore del racconto, anche solo per distrazione - hanno tutte in sé un potenziale nucleo di disastro termonucleare.

Perché "la spostata"? Perché coglie un aspetto di me, quello realmente weird e giusto al limite tra la buffa eccentricità e la pericolosa follia. Perché così aveva preso a chiamarmi/insultarmi un amico, e mi faceva tanto ridere che fin da subito ho pensato potesse diventare il nome di questo blog. Il sottotitolo iniziale era "un'adorabile sociopatica", dato che ignoravo l'esistenza di una sociopatica blogstar; così è diventato "un'adorabile stronza", finché ho deciso che io, stronza, non volevo mica esserlo, e in fondo non lo sono poi così tanto.

Ma ormai questo nick mi sta stretto. Il blog, dove racconto scene di vita quotidiana (non per forza vere, ovviamente, e non per forza mie...), così personale nel modo e nel fine, si presta meno a questo tipo di nickname. Ehi, io sono a favore di nick, pseudonimi, personalità multiple, identità fluide e quant'altro, per il mio personale vissuto e come generale teoria del soggetto; infatti, non mi spoglio di un'identità virtuale per il desiderio di assumerne una reale, ma per assumerne un'altra, sempre necessariamente costruita, che semplicemente trovo più adatta al contesto.
Il mio nuovo nickname non sarà altro che il mio nome.

Ciao, mi chiamo Irene.
E questo è il mio nuovo blog.
Ci vediamo lì, da me.

19 commenti:

sgrignapola ha detto...

Non ho mai commentato il vecchio blog. Anche se lo leggevo sempre. Ricomincio anche io dalla fine, anzi con un commento.

Elvezio Sciallis ha detto...

Lo sapevi che ieri Splinder ha comprato Blogger?

Si ricomincia dall'inizio, io mi iscriverei su iobloggo o blogganch'io...

Benvenuta nella Famigghia...

CuloDritto ha detto...

Ciao Irene (sembra una seduta degli alcolisti anonimi). :-)
Io mi sono comprata un dominio per sfuggire dalle grinfie di Dada.
Se è vero che Splinder ha comprato Blogger, passa a Wordpress finché hai un blog con un solo post. ;-)

Elvezio Sciallis ha detto...

Non dar retta a PosterioreNonStorto, Word Press è da 3 mesi che è proprietà della Apple il cui 59% è di Splinder, quindi...

francesco ha detto...

che si dice in questi casi? :-)
(a parte che vado a cambiare link e feed, ovviamente)

lucetta ha detto...

arrivo da eio. auguri e complimenti. ciao
lucetta

michele ha detto...

benvenuta!
su blogspot, è chiaro, mica ti posso dare il benvenuto a casa tua? al massimo un bentornata
:)

Lia ha detto...

Be', in bocca al lupo per la tua nuova casa. :)
Aggiorno feed etc pure io.

(E non lasciarti traumatizzare per interposta persona, mi raccomando! Qualche disastro termonucleare, cosa vuoi che sia... :D )

irene (la spostata) ha detto...

Ma che bella questa festa di benvenuto!
Grazie! E benvenuti a casa mia!
(ora spiego il titolo del blog, eh...)

gattostanco ha detto...

Festa? Chi ha detto festa!?! :D
Meno male che l'ho letto da Seia, ché il feed era ancora al post precedente. Qui dovrebbe andare un po' meglio. Ciao.

Oscaruzzo ha detto...

Ciao Irene :)

Ma tu pensa, mi tocca cambiare qualche link. Ma anche io sono segretamente in fase di trasloco, e infatti sto gia` testando wordpress (ma se non sganci la grana non puoi modificare il template) e ilcannocchiale (elitario ma gustoso). Come ti trovi con sto blogspot? Facce sape`!! (ma comunque su splinder io ho sempre pubblicato video, immagini e altre minchiate senza problema...)

CuloDritto ha detto...

Come, anche Wordpress? Ma che pacco.
Io mi appoggio ai server di Powweb; non è che tu sappia se Dada ha le mani anche lì? Così, per completezza.

irene (la spostata) ha detto...

culodritto, ma Elvezio scherzava! Non ce la vedo proprio Dada a comprarsi Google... ;)

Sì, Oscaruzzo, mi trovo bene. Per ora, difetti: l'anteprima del post, che non è realmente quella definitiva (ciò che vedrai nel blog); un linguaggio del template che non capisco ancora benissimo. Comunque mille volte meglio che con wordpress.com, dove avevo provato a trasmigrare ma non ero riuscita a combinare nulla, nonostante le dettagliate istruzioni dell'ottima Isa.

pasqualeorlando ha detto...

vita dura per i blogger..

Isadora ha detto...

Stavo scorrendo la lista dei link di un blog per me nuovo di una vecchia conoscenza e sono rimasta affascinata da questa quasi omonimia. Arrivo qui ed il primo commento che ci trovo è quello di un altro nick amico. Era destino!! :-)

irene (la spostata) ha detto...

Era destino sì, Isa! Anche se la realtà è che ci siamo già incrociate, commentando il blog di Cairoli...

(sto iniziando ad avere blogo-ricordi e blogo-aneddoti, dio mio)

("Eeeh, quand'eravamo giovani... te la ricordi la Gina?" "Ma certo, quella che aveva fatto un flame su Macchianera, ah che sagoma")

Isadora ha detto...

Che memoria, però!! :-) O forse sono solo io che sto invecchiando... :-(
Ma, almeno, sono stata gentile?

Scuola di ladri ha detto...

benvenuta!

irene (la spostata) ha detto...

Gentilissima, Isa. ;)

Grazie SdL!